La foto di G.Iovacchini in mostra a Rocca Calascio

iovacchini Rocca Calascio.jpeg
Il
 cantiere delle belle Arti Trasalimenti 2012, scrive Gabriele Di Pietro, è una ingegneria dell’arte variabile e accadimenti fluidi, non rispettando le dinamiche e insopportabili raggiri di scrivere a tutti i costi, e di non affermare nulla. Alla Rocca la Cultura esiste.. e già esisteva nella bellezza della sua immortalità  paesaggistica; preziosa, con accadimenti storici superbi, con dimore signorili e tradizioni popolari, lungo i sentieri lontani ma del vicino medioevo, (che mostrava il segno del potere anche con la gabbia e la forca). Cantiere del vagabondare delle belle arti, dei processi mentali degli oggetti, transumanze di artisti motivati e motivanti; mettere in scena i grandi rischi delle passioni, sconvolgere e coinvolgere il tessuto urbano. Installazioni ambientali. Spargere e ridurre alla essenzialità comunicativa , i segnali tipici della prassi dell’immaginario futuro dell’arte concettuale, poverista e  l’ambiguità emblematica dei gesti casuali odierni; con origini diversificate e variegate, classificate al limite del contrasto dialettico. Un ammasso aperto tra opere pittoriche e scultoree, e quant’altro di davvero misterioso, che ancora permane su tutto la Rocca medievale. Ogni artista avrà, calamitando esperienze storiche passate e guidatidalla severa luminosità di alcyone, a disposizione i mille segreti ancora da svelare, del non conosciuto silenzio, fantasmico stupore…! 

Questi i 35 artisti partecipanti.

Alessia Armeni, Emanuela Barbi, Tullio Catalano, Alessandro e Loreto Cicoria, Giancarlo Costanzo, Giuliano Cotellessa, Mauro Di Giuseppe, Ennio Di Vincenzo, Ugo Dossi, Franco Fiorillo, FrancescaForcella, Raffaella Formenti, Licia Galizia, Gino Gentile, Mariella Ghirardani, Arianna Giorgi, GianniIovacchini, Antonio Iacovetti, Carmelita Iezzi, Res Ingold, Torsten Kirchoff, Ettore Le Donne, FionaLiberatore, Gian Ruggero Manzoni, Mariano Moroni, Hidetoshi Nagasawa, Sergio Nannicola, Claudio Parmiggiani, Marco Pellizzola, Pavel Schimdt, Antonio Terio, Pierluigi Terio, AgostinoTulumello, Samuele Vesuvio, Paul Wiedmer.COMUNICATO STAMPA:Cantiere delle belle arti Trasalimenti Rocca Calascio (AQ) inizio: Alle ore 00:01 del 1° AGOSTO 2012, durata a tempo variabile. Curatore Gabriele Di Pietro.Con il patrocinio del Comune di Calascio, MIBAC, Regione Abruzzo,Provincia dell’Aquila,Ente Parco d’Abruzzo. Luogo: ROCCA CALASCIO (AQ). Artisti partecipanti (allego link) Ho proposto ‘’ il cantiere delle belle Arti Trasalimenti2012’’ al Comune di Rocca Calascio. Un progetto ‘’Cantiere’’ ovvero, unaingegneria dell’arte variabile e accadimenti fluidi, non rispettando ledinamiche e insopportabili raggiri discrivere a tutti i costi, ‘’ e di non affermare nulla ‘’. Alla Rocca la Cultura Esiste.. e già esistevanella bellezza della sua immortalità paesaggistica; preziosa, con accadimentistorici superbi, con dimore signorili e tradizioni popolari, lungo i sentierilontani ma del vicino medioevo,( che mostrava il segno del potere anche con lagabbia e la forca). Cantiere del vagabondare delle belle arti, dei processimentali degli oggetti, transumanze di artisti motivati e motivanti; mettere inscena i grandi rischi delle passioni,sconvolgere e coinvolgere il tessuto urbano.Installazioni ambientali.Spargere e ridurre alla essenzialità comunicativa , isegnali tipici della prassidell’immaginario futuro dell’arte concettuale, poverista e l’ambiguitàemblematica dei ‘’gesti casuali ‘’odierni; con origini diversificate e variegate, classificate al limite delcontrasto dialettico. Un ammasso aperto tra opere pittoriche e scultoree, equant’altro di davvero misterioso, che ancora permane su tutto la RoccaMedievale. Ogni artista avrà, calamitando esperienze storiche passate e guidatidalla severa luminosità di alcyone, a disposizione i mille segreti ancora dasvelare, del non conosciuto silenzio, fantasmico stupore…! Un progetto talmente originale di proporre l’arte da creare intresse sia della stampa Nazionale che Estera e non attingiamo a nessun finanziamento pubblico…solo passione del curatore e dei 35 artisti partecipanti.

da www.arteabruzzo.it di Paolo Di Vincenzo e Marina Di Crescenzo


La foto di G.Iovacchini in mostra a Rocca Calascioultima modifica: 2012-08-02T08:24:00+02:00da giovanni177
Reposta per primo quest’articolo