Punta Ferruccio

Presentazione dei ragazzi.jpg

Il giorno 10 c.m. presso la sede “EDEN” del Comune di Ortona si è tenuto un convegno sul tema della valorizzazione ed il recupero dell’ex tracciato ferroviario nel tratto di costa compreso tra le città di Francavilla al Mare ed Ortona. Sono stati esposti i progetti redatti dagli studenti del corso per Geometri dell’I.T.C.G. “Manthonè” di Pescara, unitamente a quelli proposti da un gruppo di giovani ingegneri ed architetti della città di Ortona e dell’ufficio urbanistico del Comune di Ortona e Francavilla al Mare.

Il progetto denominato “Recupero di tracciati perduti” prende in esame la ridefinizione della fascia costiera ricompresa tra Lido Saraceni ed il promontorio di Punta di Acquabella, partendo dalla progettazione di un percorso ciclabile affiancato ad uno pedonale con aggetti in legno lamellare che si protendono sul mare in corrispondenza delle gallerie ferroviarie dismesse.

L’altro, denominato “Punta Ferruccio: un punto di vista”, aveva come obiettivo la valorizzazione del promontorio di Punta Ferruccio, località a nord della città di Ortona, di grande pregio ambientale, miracolosamente sottratto alla speculazione edilizia. In questo caso il riuso dell’ex tracciato ferroviario è stato lo spunto per mettere al centro del dibattito, la necessità di promuovere un paesaggio incontaminato con specie vegetali autoctone di grande interesse, un mare blu cobalto ed una fauna mediterranea che ha la possibilità di riprodursi in totale tranquillità.

Punta Ferruccioultima modifica: 2010-04-12T12:48:00+02:00da giovanni177
Reposta per primo quest’articolo